accedi   |   crea nuovo account

pensando

Al crepuscolo dell’estate
siederà
il mare
all’osteria dei ricordi,
vecchio, stanco marinaio,
annoderà le reti
di quei giorni assolati,
vociar di gente allegra,
risa di bambini
nel giocar con le onde.
Con la pallida luna
e le stelle sorelle,
ricorderà i baci salati,
gli amori rubati,
nella notte
sulla battigia consumati,
i sogni a lui affidati.
E ripensandomi,
regina degli scogli,
brinderà a me,
sua figlia, onda di mare,
con velata nostalgia,
annegando una lacrima
in un bicchiere di rhum.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Grazia Denaro il 21/01/2012 00:44
    Bel dipinto di vita marinara, brava.
  • Anonimo il 27/08/2009 17:20
    bel quadretto in bianco e nero di uno scatto di fine estate...
  • M. Vittoria De Nuccio il 27/08/2009 14:10
    Nostalgica... bella.
  • ANGELA VERARD0 il 27/08/2009 11:39
    nostalgico quadro come tu sola sai dipingere... brava!!!
  • aleks nightmare il 27/08/2009 11:36
    Mi ci sono ritrovato in questa poesia!!! Brava!!!
  • Fabio Mancini il 27/08/2009 11:07
    Quando si passa molto tempo a pensare, i ricordi prendono facilmente possesso della mente. Penso che il rhum sia meglio lasciarlo nelle mani dei pirati, mentre tu potresti pensare come usare al meglio la tua libertà. Un abbraccio, Fabio.
  • Anna G. Mormina il 27/08/2009 10:43
    ... molto bella, brava!
  • Anonimo il 27/08/2009 07:57
    Bella, vedere il mare come un veccio marinaio che torna ed ha finito di pescare... le emozioni delle persone che hanno vissuto nei suoi pressi!! Buongiorno Loretta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0