PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Incontrando Lucia...

Vivevo quel tempo sospeso
tra il restare bimbi e il divenire uomini,
quel giorno mio padre mi aveva sorpreso,
del suo amore avevo saltato i confini;
era troppo occupato per insegnare
e n un collegio mi fece internare,
d’ improvviso mi obbligò a partire;
La mia spensieratezza lasciava morire.

Sul quel treno pensavo
alla lei che dimenticavo
agli amici che non avrei mai tradito
per loro provavo un calore infinito.

Erano ricchi i miei genitori ,
del potere gustavano i sapori,
io ero il loro figlio ribelle
nato con la voglia di volare,
alle regole ero imbelle
ogni giorno avevo un mondo da conquistare




Quattro anni nascosto
come un segreto immorale
come un sogno riposto
condannato dal non essere uguale.

I preti tutto sanno insegnare
tutto quello che non è amare,
tornavo con i desideri distrutti
mia madre del mio studio godeva i frutti.

Sentivo il rancore
di un ritorno che faceva rumore,
provavo il disgusto
dell’ amore ricevuto con costo.

Le idee non erano cambiate,
ma le voglie addormentate,
il risultato era stato ottenuto
della testa anestetizzando il contenuto,

degli amici gli sguardi stupiti
dei sogni, solo ricordi sopiti
non volevo più amare
non avevo nulla da regalare.

Tre anni lasciati passare
vivendo senza sperare,
cercando di non ricordare
che un tempo sapevo sognare,

Fino allo sguardo di quella bambina
fino a un incontro nella cucina
fino all’ ardore dove il cuore si cuoce,
all’ improvviso rumore di un sentimento senza voce,
chi lo prova non lo può spiegare,
chi non lo sente non lo può imparare.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • loretta margherita citarei il 28/08/2009 16:02
    concordo con vincenzo, bellissima.
  • giancarlo milone il 28/08/2009 14:06
    grazie mille...
  • Anonimo il 28/08/2009 09:41
    canto struggente... mi rivedo nel ricordo di lei... traspaiono malinconiche emozioni di un vissuto che si annidano nella fragilità dell'anima
  • Vincenzo Capitanucci il 28/08/2009 09:22
    Splendida... Giancarlo... nella tua ho riletto una parte della mia vita...

    ... I preti tutto sanno insegnare
    tutto quello che non è amare...

    ho vissuto quattro anni di collegio... e quello che dici è vero... ne sono uscito... come una macchina distruttice... almeno di me stesso..

    bellissima chiusa.. di grande apertura.. fino allo sguardo di quella bambina... Luci... a.. l'inspiegabile...
  • laura cuppone il 28/08/2009 09:04
    l'amore é egoismo a volte
    o solo una presa di posizione assurda.. come la pretesa di dominare la volontà di chi amiamo...
    si fa con i figli... purtroppo...

    sono contenta che quello che non si spiega sia ora in te.

    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0