accedi   |   crea nuovo account

Storia di un senzatetto

Barcolli e vaneggi allegramente
a tratti e per pochi secondi
ridi in faccia alla gente
nelle bottiglie i soldi che spendi.
Io non conosco la tua triste storia
posso averne appena l'idea
agiti le bottiglie in aria
e racconti la tua odissea.
Avevi tutto, moglie, casa, figli e lavoro
ma per sbagliati investimenti
ora non navighi più nell'oro
e con l'alcool dimentichi i tormenti.
Ma hai scelto tempo fa
di non esser aiutato
i tuoi cartoni sono la
con ceneri d'acqua passata.
Adulti e ragazzi ti hanno emarginato
senza tetto ma non senza nome
qualche spicciolo hai rimediato
ma so che hai ancora fame.
Rivolgerò a te un pensiero
lo so che non vale tanto
ma tu mi dici che è raro
ora ridi di nuovo... sembri contento.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Monia Ghesini il 22/11/2010 20:22
    È bellissima
    Davvero molto piaciuta e scritta bene
  • Sergio Fravolini il 31/10/2010 08:53
    Una gran bella opera dove si nota la tua bravura.

    Sergio
  • Anonimo il 14/03/2010 19:46
    Avere tutto e perderlo, aggrappandosi poi alla vita da "barbone". Bella poesia.
  • Sergio Fravolini il 03/03/2010 12:24
    È ancora una pecca quella di Cristiana che non scrive in rima. Questa sarebbe stata milto bella se avesse usato i versi. Ma comunque rende l'idea di chi non ha nulla e vive per il nulla lasciando che tutto scivoli via nella durata di un sorriso.
  • Inchiappa Vito I Song il 03/09/2009 00:07
    Buonanotte e sogni d'oro.
  • Anonimo il 01/09/2009 00:57
    5 stelle per intensità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0