accedi   |   crea nuovo account

Agosto

Supino,
sulla rèna disteso,
aliante sull'increspo
il mio pensiero
fin dove il mare
tocca il cielo.

Raggi cocenti
di Sole d'Agosto,
rivérbero abbagliante
sull'azzurro ondulante,
e spruzzi di sale,
in un danzar di colori,
risvegliano i ricordi
dal torpore.

Vaga la mente!

Echi lontani
nel grigio presente.
Ieri è oggi,
in un istante.

Il cuore intona
"Nessuno al Mondo"
la mano,
di isitinto,
cerca al mio fianco;
il posto è vacante,
è sabbia rovente.
Lo spasmo di vita
esala nel niente;
è vuoto presente.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0