PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Station

Sto seduta in una stazione.
Osservo le partenze ed i ritorni.
Ascolto i rumori,
dei freni,
dei tacchi,
dell'altoparlante.
Subisco i ritardi.
Perdo le coincidenze.
Qualche volta non pago il biglietto.
Non passo oltre la linea gialla.
Con i piedi.
Sto seduta in una stazione.
Qualcuno piange,
qualcuno urla "Scrivimi".
Qualcuno manderà una cartolina,
qualcuno manderà a farsi fottere il proprio passato.
Subisco gli addii.
Perdo grandi braccia.
Qualche volta si rimane.
Si rimane in un'attesa che non ha orari,
nè binari.
Che però può deragliare dentro,
imprigionandoti tra le lamiere,
con i finestrini serrati ed intatti.
Forse hai troppo pesato,
col tuo bagaglio pieno di confusione.
Forse sei entrata contromano nella tua fragilità.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Donato Delfin8 il 14/03/2009 12:51
    Grande sensibilità.
    Belle metafore. Riflessioni sulla vita.
    Mi piace lo stile.
  • meg anello il 12/10/2007 00:34
    io sto spesso in stazione per un motivo o per un'altro.. insomma capisci senza la scusa di dover partire e vedo quello che vedi tu, ma nn sapevo si dicesse così...è davvero poesia.. bella..
  • sara rota il 27/09/2007 08:28
    Una poesia che mi sa di prigionia, un luogo, la stazione, senza vie di fuga. Spero non sia così per te nella vita reale. I treni passano, anche prenderne uno al volo ogni tanto ti cambia l'esistenza.
  • Claudio Amicucci il 06/09/2007 15:52
    Brava Viola, sei entrata contromano nella tua fragilità e ci hai regalato versi emozionanti, pieni di realtà diverse, come sono quelle di tutte le persone che attraversano una stazione. A rileggerti ciao Claudio
  • Viola Smith il 31/08/2007 21:09
    Grazie Egon...
  • Egon il 31/08/2007 19:33
    ho letto tutte le tue poesie e sei veramente molto brava, cogli e scrivi in un modo che rispecchia una vera invividualità nel tuo modo di vedere il mondo, originale.
  • SILVANO DOLCI il 02/10/2006 10:15
    Apri le tue finestre, rinfresca la tua mente.
    ciao
  • Ire... il 20/09/2006 22:33
    Davvero profonda. mi hai lasciato senza parole. incantata.
  • Viola Smith il 20/09/2006 22:23
    Grazie
  • augusto villa il 20/09/2006 22:16
    Molto molto bella! Si rimane in un attesa che non ha orari, ne' binari... si,... bella! La stazione... quando ci vado mi fermo a guardare il film piu bello del mondo che e' la vita... l'umanita'... con le sue meraviglie e con le sue miserie... affascinante...
    ciao.
  • Viola Smith il 20/09/2006 18:24
    Per Billiejoe:
    concordo...
    Quando posso ci sto volentieri
  • billiejoe. il 20/09/2006 15:18
    .. la stazione è un luogo affascinante.. ne ha viste di persone.. ti confondi con tutto il resto.. vedi mille facce.. ti chiedi chi sono.. dove vanno.. se scappano.. e riesci a riflettere, almeno io, come in nessun altro posto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0