username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Uno stampato non sa di essere un libero libro anche se è stempiato

Alcuni vivono credendo di essere libri stampati
su di loro non puoi più fare nessuna correzione

se
sulle loro pagine in fin dei conti vuote di loro stessi
vuoi aggiungere una sola parola inesorabilmente non è accettata

scivola nel limbo del nulla in un bianco peccato non originale

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • loretta margherita citarei il 03/09/2009 15:03
    ORIGINALISSIMA
  • Anna G. Mormina il 03/09/2009 14:04
    ... verissimo, non sai a quante mie poesie, vorrei aggiungere o togliere delle parole!
    ... bella, bella, bella!
  • Giada.. il 03/09/2009 13:16
    Ammetto di averla dovuta leggere tre volte prima di capirla.. ma ce l'ho fatta! bella!
  • Anonimo il 03/09/2009 12:23
    originalità in una grande verità
  • giusi boccuni il 03/09/2009 10:38
    ah, ah... questa la trovo... sarcastica
  • Inchiappa Vito I Song il 03/09/2009 09:30
    I superbi possono vantare la loro "onniscienza". Ma come fanno a leggere il loro libro se stampato all'incontrario e con caratteri indecifrabili? Le pagine bianche non sono vuote, simboleggiano la loro "pura ottusità".
    Vito
  • Anonimo il 03/09/2009 08:48
    la troppa sicurezza in sè stessi indica in realtà insicurezza. Una parola in più può sovvertire l'ordine perfetto che l'autore si è creato, non ammette intrusioni per paura di specchiarsi, potrebbe non piacere ciò che vede.
    bravissimo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0