accedi   |   crea nuovo account

... filosofia Napoletana

Vuless'addeventa, pe nu mumento,
nu menestrello e tantu tiempo fa,
cu na chitarra 'mano e co cappiello
mille canzone vularria cantà.

Pe vichi scuri e stritte de quartieri,
cantanno a squarciagola "O Sole Mio"
rialass'a tutta a gente na magia:
villette a schiera e prati chin'e fiori
o post'e chilli vasci m'pont'e vie.

Jamme guagliù!
Cantate n'zieme a mmè.

A vita và pigliata alleramente!
Scurdammece de guai e stà Città.
Simme Napulitan
e o Core vò cantà!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • M. Vittoria De Nuccio il 04/09/2009 14:34
    Meravigliosa... Cantate n'zieme a mmè... il dialetto napoletano ha un suono e un ritmo accattivante... bravo.
  • Giuseppe ABBAMONTE il 03/09/2009 18:58
    E noi napolatani sappiamo cantare sempre, ricercanod l'allegria e la voglia di vivere anche nelle situazioni più tristi.
    Ciao Ezio e, brav davvero!!!
    Giuseppe
  • loretta margherita citarei il 03/09/2009 17:21
    napule e na conzone e filusufia piaciuta amico caro
  • Vincenzo Capitanucci il 03/09/2009 17:03
    Oh.. Sole miooooooo...

    Bellissima Ezio... scurdammece de guai... anche se sempre non è facile... ma guardando quiste Sole...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0