PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le tue risa

Toglimi il pane, se vuoi,
toglimi l’ aria, ma
lasciami il tuo sorriso.

Non togliermi la rosa,
la lancia che apre,
l’ acqua che improvvisamente
sgorga nella tua allegria.
L’ inatteso nascere
di un impeto d’ argento.

La mia guerra è dura e a volte
torno con gli occhi resi stanchi
della vista di un mondo
che non cambia;
però quando arriva il tuo sorriso
sale fino in cielo a cercarmi
e mi apre
tutte le porte della vita.

Amore mio, nelle ore
più scure, regalami
le tue risa e se all’ improvviso
vedi il mio sangue macchiare
le pietre della strada,
sorridi perché il tuo sorriso,
sarà un’ arma fresca tra le mie mani.

Vicino al mare, in autunno,
le tue risa dovranno alzare
una cascata di spuma.
In primavera, amore,
voglio il tuo sorriso
come un fiore atteso,
come il fiore azzurro, rosa
della mia patria musicale.



Ridi di giorno,
ridi nella notte
guardando la luna,
ridi nelle strade
confuse della terra,
ridi nel cieco sguardo
del uomo che ti ama.
Quando apro gli occhi,
quando li chiudo,
quando i miei passi si perdono,
quando i miei passi ritornano,
ridi
puoi togliermi il pane, la luce,
l’ aria, o la primavera,
ma mai le tue risa,
né morirei.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • angela ambrosini il 04/09/2009 09:03
    con loretta, spledida.
  • loretta margherita citarei il 04/09/2009 06:05
    piaciuta molto, nerudiano poeta, apprezzata
  • giancarlo milone il 04/09/2009 04:19
    grazie a te dei complimenti
  • giancarlo milone il 04/09/2009 04:19
    grazie a te dei complimenti
  • Anonimo il 04/09/2009 00:20
    bellissima... mi hai fatto conoscere un autore che non avevo mai considerato... poichè prediligo autori tedeschi e francesi... grazie
  • giancarlo milone il 04/09/2009 00:10
    niente
  • Anonimo il 03/09/2009 22:40
    scusa, non avevo letto il commento che lo spiegava
  • giancarlo milone il 03/09/2009 22:39
    si
    ho messo il commento sotto per spiegarlo, è una traduzione personale
  • Anonimo il 03/09/2009 22:38
    sembra "Il tuo sorriso", di Neruda, praticamente è la stessa.. è cosa voluta?
  • giancarlo milone il 03/09/2009 22:35
    traduzione personale e non completamente letteraria della poesia tu risa, di pablo neruda

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0