PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Trasparenze

Stai correndo, mio tempo. E qualche volta scivolo dalla tua groppa.
È un vagare di pozzanghera e di vermetti muti.

Oggi mi siedo nella palla di vetro,
bianca la testa, bianche le spalle.

Dietro, un fondale di case vittoriane,
un plastico di amori vuoti e frettolosi.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenza il 26/06/2012 15:31
    scorre il tempo inesorabile e impietoso, l'importante è che quelle case vittoriane tu non le veda come delle rovine e soprattutto che la consapevolezza di quegli amori frettolosi non abbiano lasciato un segno negativo dentro di te... solo un passaggio della tua vita che il tempo frettoloso si è portato con sè.

1 commenti:

  • antonio castaldo il 10/09/2009 00:05
    tutti scivoliamo qualche volta
    anche nei... vuoti e frettolosi
    mi è piaciuta! kiss.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0