accedi   |   crea nuovo account

... storia di vita... ordinaria..

Dint'a nu vico,
sott'a nu purtone,
'ncopp'a na seggia
tutta sgangherata,
nu vicchiariello stà assettato.
LL'uocchie fissi n'terra
e mmocc'nu mezzone,
stenn'a mano
a chi ll'e passa nn'anz.

Na buattella arrugginita
n'terr'e pieri appuiata
e nu cartiello
n'coppe a nu piezzo e legno n'chiuvato:
"pe carità aiutatemi".

E rimpetto,
a chellata parte do vico,
passa nu signore ben vestito;
abito cucito a mano, gravatta intonata,
ombrello e cappott e cammell.

Si ferma,
osserva sconcertato,
prova pietà
pe chillu quadro e povertà.

Buon uomo,
perchè state qui al freddo?
Avete una casa, un letto?
Un pasto caldo?
Qualcuno che di voi si prende cura?
Parlate!
Chiamo la Questura?

O viecchio alza lo sguardo,
lo guarda con stupore;
ma vene a natu munno stu signore?
No grazie!
Questo vi fa onore,
ma dint'a stà Città
hanno sparato pure a generosità.

Chhiù nn'anzi,
tutto agghindato,
ncopp'a na moto e grossa cilindrata,
n'omme ca faccia e delinquente
s'avvicina lentamente:
scusate Signurì,
ma che vulite?
O cunuscite, è nu vostro amico?
No... stavo chiedendo...
Site da Polizia?
No... è che...
Allora e domande,
jatele a ffà a casa vostra,
smammate a ccà,
facitece faticà!

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0