PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vendemmia

Sei
un grappolo
d’uva rossa,
mi deliziano,
i tuoi chicchi,
rubini accesi.
Moscerino
ti gironzolo
intorno,
ubriacandomi
nella tua fragranza.
Non oso immaginare:
cosa mai succederà,
quando tu
diverrai vino delizioso
e ti assaggerò?

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 06/09/2009 17:24
    fabio caro, ubriaco non unbriaco, come tu suggerisci, se no noi umbri ci umbriachiamo, guarda il vocabolario, un bacio
  • giusi boccuni il 06/09/2009 17:11
    io invece oso immaginare... un prosieguo delizioso... il profumo del mosto selvatico uhm...
  • Fabio Mancini il 06/09/2009 16:34
    Mi immagino la scena: Tu con la veste tirata lungo i fianchi che a piedi scalzi pesti quel piccolo grappolo d'uva e lui che cerca di resisterti con tutte le sue forze. Purtroppo per quel grappolo non ci sarà niente da fare, specie se tu ne hai già deciso il suo destino. Bella poesia con una metafora altamente erotica e alcolica. N. B. al quint'ultimo verso dovresti aggiungere la lettera "N" che probabilmente ti è sfuggita per il gran daffare. E forse la chiusa non dovrebbe avere il punto interrogativo. Ciao, Fabio.
  • Giuseppe Bellanca il 06/09/2009 15:52
    cin cin alziamo i calici e brindiamo a questa poesia... hic... hic... ciao Loretta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0