username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Che stupida che sei..

Che stupida che sei,
celare i seni,
coi capelli biondi e sfatti,
gettando bruma,
negli occhi stanchi.
Alti i tacchi,
e la matita per magia
ad allungarti gli occhi.
Sarai più bella?
Sarai più alta?
L’escort di Bari,
la donna pura e traviata,
non ama l’Italia,
perché vuole che nessuno,
la chiami più puttana!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

26 commenti:

  • Amorina Rojo il 03/01/2010 15:03
    non è tema da poesia... e comunque molto difficile da trattare al di là delle tue capacità!
  • giancarlo milone il 14/09/2009 15:43
    ma bevemocene pure due... anzi ubrichiamoce proprio...
    se sta bene a madrid... di spagnoli ce nè so diversi tipi... non si può dì
    ciao
  • Fabio Mancini il 11/09/2009 21:23
    A Giancà, da romano a romano: Ma chissene frega! Mejo bevese na bira a la salute nostra, che parlà de le puttane che cianno un sacco de sordi. O no? Ma te che vivi a Madrid, che dicheno li spagnoli de li 'taliani? Semo sempre li mejo, o pure li spagnoli c'ianno fregato? Fà.
  • giancarlo milone il 11/09/2009 14:01
    Che il suo comportamento sia ridicolo e patetico, condivido pienamente, come ritengo ridicoli e patetici i comportamenti di molte presunte star.
    I test di cui parli, sono solo strumenti che provano a misurare il q. i attraverso esercizi, l' inteligenza è ad esempio la capacitá di adattarsi alle circostanze e comprenderle, è la capacità di avere idee innovative... tra le tante cose è anche il saper trasformare le situazioni a nostro vantaggio (a prescindere dalla volontà di farlo)
    ciao
  • M. Vittoria De Nuccio il 11/09/2009 11:46
    Fabio come sempre colpisci nel segno... BRAVISSIMO!!!
  • Anonimo il 08/09/2009 09:53
    Un applauso a Fabio.
  • Fabio Mancini il 08/09/2009 08:45
    Ciao, Giancarlo. Tu dici che l'intelligenza è la capacità di adattamento finalizzata all'ottenimento di vantaggi. Questo, secondo te. La definizione di intelligenza è questa: "La facoltà propria della mente umana di intendere, pensare, eleborare giudizi e soluzioni in base ai dati dell'esperienza anche solo intellettuale". Che cos'è l'intelligenza? "L'insieme dei processi mentali specificatamente umani, che si compiono utilizzando simboli linguistici e logici, immagini e concetti. L'intelligenza viene misurata attraverso dei test che sondano nel soggetto, le capacità logiche e mnemoniche, il famoso Q. I. che nelle persone normalmente intelligenti oscilla tra 80 e 100. Secondo le indagini solo lo 0. 5 delle persone sottoposte ai test raggiunge il valore di 140. Il fisico Albert Einstein aveva un quoziente intellettivo di 160. Può essere questo l'elemento determinate della sua genialità? Probabilmente. Come vedi, Giancarlo, la definizione di intelligenza, non ha nulla a che vedere con le argomentazioni, la definizione, i meccanismi, che tu hai prodotto. Semmai confermano l'idea generalizzata e confusa che l'intelligenza è la capacità di raggiungere il successo e il potere. Riguardo al desiderio della D'Addario di rifarsi una vita all'estero, l'intervista che lei ha concesso ai giornalisti accorsi alla discoteca "Il globo" di Parigi, a mio avviso, è stata veramente patetica. La sedicente scrittrice, cantante, ballerina, non sembrava affatto sicura di se stessa. Con un tono di voce supplichevole diceva che in Italia non era benvoluta e che voleva vivere dove poteva essere amata di più. Non so quanto credito abbia riscosso una dichiarazione simile, basata più su una mascherata commiserazione, piuttosto che sui propri (o presunti) meriti. Capisco che una prostituta a 42 anni si avvia lentamente all'età pensionabile, però penso che la Signora poteva giocarsi l'opportunità della sua vita in modo diverso, non suscitando il "pietismo" francese. Penso che taluni "Personaggi" come la D'Addario e Letizia (forse più conosciuta come Noemi) non siano esportabili all'estero, in quanto sono i frutti del nostro decadimento sociale e culturale, fenomeni destinati a scomparire nell'arco di un tramonto. Fabio.
  • giancarlo milone il 08/09/2009 04:01
    fuori da tutti i discorsi che non mi riguardano... io non confondo inteligenza con il pragmatismo, nè la stupidità con l' idealismo.
    nelle tua poesia non si parla di politica e politici, quindi non entrerò nel merito del politichese...
    riguardo alla inteligenza tu definisci stupida una persona che apparentemente si vergogna del suo lavoro, dici che si trucca per essere più bella.
    dici che è pura(ironicamente) e traviata perchè non ama l' italia perchè ha paura a sentirsi chiamata puttana...
    primo io credo che l'inteligenza sia ben altro, la capacità di comportarsi e ottenere vantaggio dalle circostanze(se si ha coscienza si rispettano i principi etici, sennò no... ma questa è un altra storia).
    poi entrando nella frase... non ama l' Italia, perchè non vuole più nessuno che la chiami puttana..., posso dirti che la sua inteligenza le permette di capire che ha apportunità nuove davanti... e per questo si allontanerà nel passato...
    non dico che questo la renda migliore, nè peggiore, anzi non mi permetto di giudicare... ma questo sembra il suo comportamento...
  • Inchiappa Vito I Song il 07/09/2009 23:23
    È stato poco attento, ho commesso tanti altri errori, di battitutra e ce ne stanno altri errori da correggere. Non era focoso il mio intervento, forse a casa sua farà ancora tanto caldo, ma ho scritto di getto e siccome non trattavasi di un tema scolastico o di un esame, non ho riletto.
    Bè, il suo scritto è di una intelligenza sovrumana Esimio Dottor Fabio o qualsivoglia Mancini (visto che non riesca a capire chem il mio nome è Vito).
    Interpreti come ben crede la stupidità degli altri.
    Qualcuno diceva che è facile scorgere una pagliuzza negli occhi altrui ma non altrettanto togliere la trave dai propri.
    Quelli che le ho portato sono degli esempi di quante altre cose obbrobriano la vita della nostra bella Italia, ma non è colpa sua se non l'ha inteso.
    Vedo che conosce bene la vicenda della dottoressa Monica Lewinsky, della Flowers. non Folwers, come ebbi a scrivere di fretta. A proposito, ma loro non scrissero libri? Mi sa dire qualcosa di Hillary Clinton?
    Buona notte e sogni d'oro Esimio Onorevole Mancini o qualsivoglia Fabio. (inutile che mi firmo, non intenderebbe ancora)
    ps corregga gli altri eventuali errori che potetti ricommittere
  • Fabio Mancini il 07/09/2009 22:11
    Nel suo focoso intervento il Sig. Vito, Dario, Arido, ha parlato di tutto e di tutti, citando nell'ordine: Corona, Franzoni, Knox, che svolgono attività ed hanno storie completamente diverse dalla D'Addario. Cosa c'entra tutta questa gente? Inolte mi chiedeva di ironizzare sui matricidi e padricidi. Non è questo il punto Sig. Vito! Stavamo parlando di un altro argomento. Parlavamo di prostituzione e di stupidità! Se si associava la dottoressa Monica Lewinsky (non Le-wisky come testualmente citato) laureata in psicologia e ex-stagista in carriera e Gennifer Flowers (e non Folwers, come scritto) ex-cantante di cabaret, a Patrizia D'Addario che nella vita sbriga altre pratiche, vuol dire che si hanno le idee un poco confuse. Riguardo alla stupidità, e qui rispondo anche al Sig. Giancarlo Milone, tale aggettivo è soggettivo e interpretativo. Ciascuno lo utilizza e lo somministra a proprio piacimento. Spesso però confondiamo l'intelligenza con lo scaltro pagmatismo e la stupidità con l'idealismo estremo. Dovremmo fare le debite distinzioni. Fabio.
  • giancarlo milone il 07/09/2009 17:17
    stupida direi proprio di no... opportunista, scavata, mestierante nello strano gioco degli scandali...
    però stupidatà è non saper approfittare,
    correttezza è non volerlo fare...
    qui non parliamo nè dell' una nè dell' altra cosa.
  • Inchiappa Vito I Song il 07/09/2009 14:58
    La faccina è venuta fuori da se'
    la frase e'
    La D'Addario, se non ha letto bene il mio commento, ha "scatenato" sto putiferio per scopi pubblicitari, lo asserisce pure lei: Pubblicherà un libro, si darà al ballo.
  • Inchiappa Vito I Song il 07/09/2009 14:53
    Non avrà notato che il mio nome Vito è anteposto al mio alias (Dario Arido).

    Egregio Signor Fabio o qualsivoglio Mancini, di buffinate in Italia ne accadono a non finire, quotidianamente ne leggiamo sui giornali o ne vediamo in tv. La D'Addario, se non ha letto bene il mio commento, ha "scatenato" sto putiferio per scopi pubblicitari, lo asserisce pure leiubblicherà un libro, si darà al ballo. Ed è stata stupida?
    Fabrizio Corona dopo lo scoop paparazzesco s'è dato alla moda, è diventato un divo.
    Quel rom che investì ed uccise dei ragazzi, recluso in un residence, fu pure contattato per firmare dell'abbigliamento e scrivere un libro autobiografico.
    La mamma di Cogne, Annamaria Franzoni, ha scritto anche un libro "La verità", magari ne pubblicherà un altro intitolato "L'amore di una mamma - come scampare a una crisi di nervi".
    O l'omicidio di Meredith, a Perugia, una dei suoi assassini Amanda Marie Knox è stata pure attrice in un film girato nel carcere di Perugia. Ed assurge pure agli onori dello spettacolo.
    Ve ne sono una infinità di vicende del genere. Chi sono gli stupidi? Perchè non ironizza, se lo alletta, sui delitti di genitori? Che pene hanno scontato i loro esecutori? Si tratta di stupidità anche in questi casi? Cosa non funziona?

    E in America le amanti di Bill Clinton, la Folwers o la Lewisky sono state più o meno stupide della D'Addario?
    Se la D'Addario ha preso esmpio da loro ci ha saputo fare.
    Spero di essere stato chiaro.
    Saluti, Vito!

    p. s. Il mio è un parere del tutto personale, può accettarlo o meno. Risaluti.
  • Marhiel Mellis il 07/09/2009 13:12
    Colto il segno, mi pare, per una fanciulla che ha sfruttato il suo mestiere facendolo divenire strumento per un gossip pruriginoso.
  • Inchiappa Vito I Song il 07/09/2009 09:07
    Sarà pure stupida perchè si copre i seni coi capelli biondi, ma vive la sua vita. Non ama l'Italia sol perchè ha sollevato tanto clamore e "deturpato" la figura del nostro Santo governatore? Lei ne ha ricavato tanta pubblicità e San Silvio, non nuovo a elargire benedizioni a chi a lui offre il suo "fioretto", non ci ha rimesso niente.
    La barese non è la prima nè l'ultima a compiere tali opere di "donazione" nei confronti di personaggi della politica, dello spettacolo, dello sport, e di altro ambito. Se ognuna facesse uno scandalo, rivelando i nomi di coloro a cui si presta, quanti togati predicatori di castità e di purezza diveneterebbero ancor più famosi e offrirebbero una nuova immagine del credo.
    Comunque sia, anche la puttana ha una sua dignità e, al di là di speculazioni che possono criticarsi, giustamente o ingistamente o stupidamente, invece di disprezzarla "ciecamente" occorrerebbe comprendere le diverse ragioni che inducono delle donne a svolgere tale professione e il ruolo sociale che ricoprono, fin da che mondo è mondo.
  • Anonimo il 07/09/2009 06:54
    Toni forti.
    Molto bella.
  • Sarah K. il 07/09/2009 02:11
    Bella bella!!!
  • Valentina B. il 06/09/2009 21:10
    Le sensazioni che evoca questa poesia arrivano molto dirette e forti. bravo!
    Valentina
  • laura cuppone il 06/09/2009 17:53
    una questione delicata
    una poesia.. sulla decadenza...
    non mi pronuncio...
    Laura
  • Vincenzo Scognamiglio il 06/09/2009 15:09
    Molto particolare e forte.
  • loretta margherita citarei il 06/09/2009 14:46
    fortissimamente forte bravissimo
  • Anonimo il 06/09/2009 14:26
    molto bella da trattenere
  • giusi boccuni il 06/09/2009 12:57
    significativa denuncia, in versi... essere semplicemente ciò che si è oggi ha un costo altissimo...
  • Anonimo il 06/09/2009 12:43
    glamour di provincia?
    purtroppo certe miserie vengono pure premiate.. che ci fa la D'Addario al festival del cinema veneziano?
    Noi possiamo solo ironizzare, sapendo che le persone rimangono quelle che sono, anche se sono in abito da sera.
    molto bella Fabio
  • Anonimo il 06/09/2009 11:52
    Umiliazione dell'anima per quello che si è, desiderio profondo di non esserlo più, travestire se stessi per mentire al nostro cuore... Fabio c'è tutto in questa poesia!!! Bella
  • Aedo il 06/09/2009 11:40
    Una poesia ironica, dai toni decisamente forti e significativi. Bravo, Fabio!
    Un caro saluto
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0