PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mio tuo mio.

Spietato
come la bestia che annienta
la bestia che fugge,
e volgare
come merda che imbratta
il cuore più puro.

... la tua pelle mai affetto...
... la tua carne nel cervello, ci scendo!?

Ti faccio sangue?

Vieni fra queste braccia,
saremo mio tuo mio all'infinito,
saremo noi i padroni prigionieri
di questa cella
che sovrasta il mondo:
una nuova stella.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Valentina Antoniol il 10/09/2009 19:28
    Bellissima... e sono bellissime tutte le tue opere... complimenti!
  • loretta margherita citarei il 07/09/2009 16:03
    forte a volte dura ma piena di tenerezza celata
  • Anonimo il 07/09/2009 14:22
    dura maledettamente dura... una sinfonia di rabbia che spacca il cuore... brividi di battaglie a due.. in simbiosi, agli antipodi... estasi di carnalità e passione allo stato puro... alle quattro stelle ne aggiungo una per originalità e immagini che lasciano il segno... complimenti... da conservare

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0