username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

IN MEMORIA DI MIA CUGINA MAIKA TURCI

Sono passati molti anni
E la tenera età
Che ti ha allontanato dai miei occhi
Annebbia sempre più
I momenti passati insieme.
Dalle tue forbici
Che mi tagliavano i capelli
Alla musica anni ’80
Che risuonava nella tua stanza.
Vorrei rincontrarti
Per domandarti della tua morte
Per scoprire se rimpiangi
Di non aver concluso
Tutto ciò che avevi intenzione di fare
O se non puoi far altro che ridere
Per essere stata compagna
Di un destino aspro e codardo.
I progetti per il futuro di ognuno di noi
Sono esponenziali
Ed ho dovuto sfiorare la tua età
Per comprenderlo.
Sei la cugina
Con cui non mi sono mai confidato
E che ha lasciato sospeso nell’etra
L’amore
Invidiabile ed indicibile
Dei propri genitori.
Sei la cugina che poteva vedermi sbagliare
E recuperare
Sei la cugina che poteva leggere
E comprendere
Il vero amore per una ragazza
Anche nei miei occhi.
Non ricordo il suono della tua voce
Probabilmente perché era meno bello
Di quanto lo era il tuo viso.
Se è vero quanto dicono di Dio
Un giorno di questi
Anche per me sconosciuto
Ci rincontreremo

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • gianni castagneri il 27/03/2014 19:11
  • sara rota il 24/09/2008 07:34
    Sono sicura che tua cugina ti aspetta e quando arriverà quel giorno sarà lì ad accoglierti a braccia aperte
  • Ugo Mastrogiovanni il 05/11/2007 13:01
    Più che poesia la trovo una prosa corretta e interessante, dalle sfumature profonde e delicate.
  • Marta Niero il 04/11/2007 23:37
    un delicato gesto d'amore e il ritrovare nella tua personale tristezza il dolore di tutti noi e delle nostre perdite.
  • Cinzia Gargiulo il 04/11/2007 23:19
    "Non ricordo il suono della tua voce". Questo verso mi ha fatto rabbrividire... quando ho perso mia sorella e poi mia madre ricordo che la mia paura maggiore era proprio quella di potere, con il tempo, dimentcare la loro voce.
    Se vuoi leggi la dedica a mia sorella.
    Poesia struggente.
    Ciao
  • Gabriella Salvatore il 04/11/2007 21:18
    una dedica molto delicata, versi pieni di sentimento, bravo
  • stefano capolongo il 20/09/2007 19:17
    una grande dimostrazione d'affetto... ne sarà sicuramente felice

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0