PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A Faber

Cielo blu
In cui si stagliano
Noncuranti
Nuvole bianche
Barocche
Tondeggianti e lievi
Loro
Grevi
Noi
Tra soprusi
Ed ingiustizie
Falsi profeti
E salvatori della patria
A sbafo
E guardo
Allucinato
L’insolenza dei mediocri
E la stupidità
Delle masse
Che si affrettano
Ad iscriversi
Ai gruppi su Fecebook
Ma non sono poi disposti
A muovere neppure un dito
Si limitano a scrivere
Parole in rete
Parole vuote
Parole di seconda mano
Come i loro pensieri
Ed intanto
Le cose continuano
Ad accadere
Tra i
Non si può più andare in giro
Ed i
Ci vorrebbe più sicurezza
Tutti ad annuire
Come gli asini
O le pecore
Della fattoria degli animali
Che votavano sempre
Per l’ultimo che aveva parlato
Poca memoria
Ed i fatti si dimenticano
Come le promesse
Fatte o subite
Ed intanto
Tra una escort
E la visita acclamata
Di un dittatore
Che ci sputa in viso
Continuiamo le nostre vite
Dimentichi della vita
Ricordando però
Il vincitore
Del grande fratello
Faber,
quanto mi manchi
quanto poco ti stai perdendo…

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • ELISA DURANTE il 11/12/2010 17:50
    Se davvero tu non avessi un'anima non potresti amare il Faber!
  • Anonimo il 12/05/2010 18:39
    mi unisco agli estimatori di Faber...
  • Rosalba Pera il 09/09/2009 00:05
    Piaciuta. Vera.
    Faber ci manca...
    molto...
  • loretta margherita citarei il 08/09/2009 16:06
    faber manca a tutti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0