accedi   |   crea nuovo account

Potrei scrivere di molte cose eppure mi mancano le parole, la dolcezza. Mi mancano i versi

Vedo le foglie mosse dal vento,
appese ad un ramo
e poi cadere e volteggiare
e cadere.

Vedo le foglie verdi sbirciare la luce
e poi, allo scoccare della sentenza,
all'arrivo della nuova stagione,
divenire gialle, rosse, viola, marroni.
Meravigliose sono le foglie prima
dell'ultima danza!

L'ultimo spettacolo è delizioso.
L'ultimo spettacolo è il più bello.

Senza far rumore,
le foglie se ne vanno.
Se ne vanno in silenzio
senza pretese,
così come sono venute.
Se ne vanno in mezzo
a molte altre, proprio
come tutte le altre.

E ogni volta
il rischio è lo stesso:
confondere uguaglianza e
fraternità,
credere che un comune destino
salvi dalla solitudine.

Ti voglio.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Antonio Pani il 04/11/2009 17:45
    Mi piace, soprattutto quel "ti voglio", alla fine, che sembra esplodere dopo aver racchiuso i versi che lo precedevano, insieme alle emozioni e ai pensieri che hanno generato questo scritto. Io l'ho sentita così, complimenti. Grazie per attenzione e commenti, a rileggersi, ciao.
  • francesca cuccia il 18/10/2009 22:02
    Sfogliare e rivivere bella
  • stefania saglioni il 18/10/2009 21:54
    Eppure tutto ciò si ripete e ogni volta, rinnova la vita.
  • loretta margherita citarei il 09/09/2009 13:39
    gradevole piacevole poesia
  • Anonimo il 09/09/2009 09:23
    e per fortuna che ti mancavano le parole!!!
    E come foglie... anche la nostra vita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0