PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pescando in dolce-salato

Ri-mu(g)gini e vecchie s-carpe
nello stagno inconscio

e-va-cui

sgombri vuoti
d’inconsistenti dolori

con la tua lenza d’amo

ombre di dolci-salate colpe sepolte

liberando
dalla melma i luminosi melmosi sono

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anna G. Mormina il 10/09/2009 14:08
    ... con quella lenza d'amore, i melmosi vuoti si riempiono d'amore...
    ... bellissima!!!!
  • Anonimo il 09/09/2009 15:14
    originale piaciuta...
  • Anonimo il 09/09/2009 14:02
    Bellissima Vincé, liberandoti verso l'essenza, tiri via dallo stagno una pietra preziosa. Bella!
  • loretta margherita citarei il 09/09/2009 13:40
    apprezzatissima
  • giusi boccuni il 09/09/2009 12:51
    bellissima liberazione e pulizia, segue grande mangiata del pescato!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0