accedi   |   crea nuovo account

Candido gioco d'amore

Come potremmo,
amandoci,
offendere gli dei,
se l’amore che ci lega,
lo viviamo
con il nostro cuore bambino?
Non hanno malizia
i bimbi.
Anche se i nostri corpi
sono aquiloni
che si intersecano
nel cielo della passione,
noi, spiriti puri,
giochiamo come bambini,
teneramente stupiti
di stringere
il filo dei nostri
aquiloni, fra le dita.

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • luca il 19/11/2012 19:58
    una poesia passionale e forse un po' distaccata ma che ti fa entrare nel vivo della passione

5 commenti:

  • Giada.. il 10/09/2009 08:23
    stupenda Lor, davvero
  • giusi boccuni il 09/09/2009 22:39
    bellissima, bevuta tutta d'un sorso, come un bicchiere di fresca acqua
  • Anonimo il 09/09/2009 21:40
    La trovo bellissima Loretta.
  • M. Vittoria De Nuccio il 09/09/2009 17:46
    Bellissima... corpi come aquiloni che si intersicano nel cielo della passione...
  • Anonimo il 09/09/2009 15:20
    splendida... accarezza l'animo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0