PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Adamo ed Eva

Adamo;
quanno li occhi aprí
a codesto monno
allor idilico,
vide solo
rose, fiori
e frutta a voluntade.
Che pacchiata
dite voi!
Ma lo Suo Creatore
pensó de
affibbiarli una cumpagna,
Eva;
che per
nun farsi
li cavoli sua,
se lasció tentar
da la serpa infama.
Cosí
magnanno
la mela proibita
lo idilico finí.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 09/09/2009 19:40
    se lo creatore gli affibbiò una compagna, come tu dici, non doveva avere poi molta stima dell'uomo, per forza poi cedette a lei.. Eva non si faceva i cavoli suoi, Adamo nemmeno aveva i cavoli suoi.

    Scherzo, ho ironizzato sul termine affibbiato.. se avessi detto "Gli mise accanto", avrebbe preso una piega diversa.
    Piaciuta
  • M. Vittoria De Nuccio il 09/09/2009 19:29
    ... ma lo Suo Creator pensó de affibbiarli una cumpagna, Eva... visione ironica e non troppo " gentile "della Donna... comunque... bella ed originale. Bravo.
  • Don Pompeo Mongiello il 09/09/2009 16:47
    Intanto grazie. E devo dire che hai perfettamente ragione, cosa l´omo senza gentil donzella puote facece a questo monno greve? Vinse peró lo serpente ingannatore, destinato a strisciare ancora.
  • loretta margherita citarei il 09/09/2009 16:11
    ma colpa? se lo signore, vidde amara solitudo in core d'adamo e volle metter gentile donzella accanto. per completar lo paradiso, lodarlo bisogna co lo core, magnifica fu l'idea de lo signore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0