PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gatto Tigrone

Se ne sta tutto il dì acciambellato
dorme dopo aver mangiato
adora stare sul cuscino nella cesta
pochi giorni fa è tornato con un occhio pesto.
Otto kg. di pelo e massa muscolare
un ruggito se lo senti miagolare
sbatte il capoccione su qualsiasi cosa
ritira gli artigli e fa le fusa.
Può sembrare goffo quando corre
a volte graffia, spesso morde
ma nel suo essere ruffiano mi da tanto affetto
nel freddo d’inverno riscalda mio petto.
Guardandomi fa versi inconsueti
non tollero chi li abbandona… che idioti!
Ma come si fa a non accarezzarlo?
Lo perdono anche se ha stecchito un merlo
croccantini e scatolette gli fanno gola
amico mio, ti manca solo la parola.

 

1
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 02/08/2012 16:48
    Come può essere un gatto: egoista, pigro e pieno di pretese ma capace di slanci affettivi e di inimmaginabile comprensione. L'autrice il suo gatto l'ha osservato bene, con acutezza.

7 commenti:

  • Anonimo il 08/01/2011 20:46
    vero... tigrone è un gran bravo... gattone...
  • Sergio Fravolini il 03/03/2010 12:27
    Gatto Tigrone è una parte di Cristiana... L'opera non è delle più affascinanti e ricche di tecnica ma esprime la totale semplicità dell'artista nel descrivere il suo animale preferito. E lo confermo è proprio bello!

    Sergio
  • Giuseppe Bellanca il 13/09/2009 10:59
    che carina... ciao.
  • Cristiana Oliva il 10/09/2009 23:10
    strano... mi dicono che assillo solo verbalmente
  • Inchiappa Vito I Song il 10/09/2009 21:23
    Graziosa filastrocca. I gatti sono tanto ruffiani e coccoloni. Gli animali domestici mi piacciono.
    Non angosci surrealmente, angusti realmente.
    Vito
  • Cristiana Oliva il 10/09/2009 15:06
    grazie a te. Non posso sempre angosciare con i tormenti e il surreale
  • loretta margherita citarei il 10/09/2009 15:01
    grazie, mi allieti con le tue filastrocche

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0