username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fine dell'oscurità

Ho guardato i lampioni colorare di un arancio ingannevole l’oscurità del cielo notturno.
Ho sentito il rumore assordante del silenzio dei giorni di festa.
Ma poi sei arrivato tu.
Ancor prima di conoscerti sapevo il tuo nome, dorato come il sole, profumato come le mimose del giorno del tuo arrivo.
Il mio animo angosciato è diventato leggero come una goccia di rugiada.
E finalmente all’orizzonte ho intravisto l’aurora.

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 07/11/2016 02:13
    apprezzata... complimenti.

6 commenti:

  • Sergio Fravolini il 05/05/2010 14:39
    L'inizio della fine.

    Sergio
  • antonio iovino il 30/04/2010 11:55
    Davvero molto bella. Complimenti davvero
  • Marco Giardina il 10/04/2010 18:32
    bè... sarebbe un bel effetto... soprattutto mentale, x l'anima... come una purificazione.. un nuovo battesimo... di fronte all'oscurità... risorge la nuova luce... come Jim Morrison conobbe per la prima volta la sua Pam... un amore eterno.
  • Giuseppe Tiloca il 12/09/2009 20:49
    Ormai, leggo tutte le tue poesie, mia carissima maria grazia. Sono tutte pure, belle, e questa mi piace in particolare, descrive le strade ed i lampioni, si intravede un attimo di oscurità.. ma poi si intravedono subito i primissimi raggi che inondano di luce: l' aurora.
    Grazie per questi tuoi versi! Giuseppe
  • sara zucchetti il 12/09/2009 11:21
    bella, non ho parole per commentarla so solo che mi ha fatto provare un piacere leggerla con questo splendido finale
  • Anonimo il 10/09/2009 20:14
    quando la vita si tinge di rosa... bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0