accedi   |   crea nuovo account

Le città di mare

Hanno origini antiche,
hanno fari abbaglianti per la tua deriva,
hanno giovani signore sinuose
che si lasciano amare in un campo di rose,
le città di mare stanno spesso a guardare
gli amori indefiniti che imbrattano i muri di speranze nascoste.
Le città di mare hanno quei viali alberati,
dove passeggiano bambini perduti nei gelati,
dove scorrazzano spider rosse con dei falsi musicanti
dove le mura poco spesse sentono i piaceri dei tanti amanti,
le città di mare col sapore dell’alba,
una ti chiede un gettone ti dice ciao sono Rosalba,
tu resti lì a cercare qualcosa che non trovi,
in fondo al viale due anziani signori camminano piano per ritrovare dolori,
si raccontano delle loro estati
del mare limpido e dei pochi sbandati,
le città di mare sono tutte uguali,
non c’è tempo per te ragazzo col sacco a pelo,
non c’è ragione di pensare di riflettere
lascia stare la politica, la cortesia o quella ragazza,
è già scappata via.
Le città di mare sono stupende d’inverno,
puoi sentire il mare in burrasca che ti arriva dritto nel cuore,
pensare, sognare che una città ci sarà anche per te.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • giusi boccuni il 12/09/2009 12:09
    bellissima e intensa descrizione, mi ci ritrovo, vivo in una città di mare, d'a-mare
  • nicoletta spina il 11/09/2009 23:35
    Le città del mare hanno un fascino speciale, più forte d'inverno, come dici... ma sempre profondo e speciale.
    Bella poesia.
  • laura cuppone il 11/09/2009 20:44
    se ci vivi
    sai anche
    che ci sono cose
    che non si possono
    nemmeno scrivere...

    il mare é nel sangue.

    bella
    piaciuta!
    laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0