accedi   |   crea nuovo account

Congetture

Spossata dalle esigenze circostanziali
desiderosa di una fine pregressa
spezzata dall’incanto di silenzi mefitici
guardo i grappoli della memoria
rigonfi di succo rosso e oro

Rammentando poco del prima
nulla del poi
ma solo
il sempre e il suo tutto
dirompente
sento questa morte minacciare
frutti d’un sudore
estatico
la vedo
avvicinarsi lenta
e inesorabile…

Lo stupore è
esausto
lo stupore sta lasciandosi
tornare
lo stupore è solo
divelto
rammaricato

Cogetture...

L’ultimo sguardo
e il coraggio dell’isola
mi volterà la faccia
non mi vedrò più riflessa
e nemmeno avrò il privilegio
di lacrimare
insieme al cielo
il sale della mia acqua

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Giuseppe Tiloca il 14/09/2009 11:44
    Parli sempre del tuo riflesso... nell' acqua.
    È bello riflettersi nell' acqua?
    sai non ci ho mai provato!
    Brava
  • Fiscanto. il 13/09/2009 21:22
    bella... davvero bella...
  • Anonimo il 13/09/2009 20:17
    M'inquieta questa poesia.. l'avvicinarsi della morte, lo stupore divelto, l'immagine non riflessa.. dove sono i grappoli rigonfi di succo e di vita?
    La stanchezza cede alla disillusione e il mondo appare estraneo, ostile, nemmeno le lacrime disinfettano il cuore.
    Intensa, molto
  • Giuseppe Bellanca il 13/09/2009 11:20
    Nella sua tristezza questa poesia mi fa riflettere: nei momenti di solitudine ci rendiamo conto quanto siamo piccoli in questa vita e qualche volta è difficile squotersi dal torpore di cui siamo invasi in quei momenti di impotenza.
    Ciao Laura.
  • Dolce Sorriso il 12/09/2009 15:26
    applausi dolce fatina!
    Tvb non scordarlo mai!!!!!!!
  • giusi boccuni il 12/09/2009 11:58
    ci son momenti che... come nuvole buie... bella
  • nicoletta spina il 11/09/2009 23:40
    Silenziosamente mi accosto a questa tua e resto affascinata, come sempre, del resto. Il mio stupore per i tuoi versi è sempre intenso. Ciao fatina
  • Fabio Mancini il 11/09/2009 22:01
    Spero che per l'isola, tu non intenda quella dei famosi. Hai veramente intenzione di partire? E chi ci manderà più le tue poesie? Il piagiamino pesante - mi raccomando! Scherzi a parte, bella poesia, come tutte. Fabio.
  • loretta margherita citarei il 11/09/2009 21:46
    straordinaria come tutte le tue
  • Anonimo il 11/09/2009 21:28
    pare che la vita non si rifletta più, tutto cambia e non si è preparati, come neonati di questo mondo che non più ci appartenga, come esuli di terra straniera. ciao salva mi piace questa tua.
  • Len Hart il 11/09/2009 21:03
    great!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0