PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Passaggio

Lo anemo meo
como la bianca lalia
nun fia,
perció
de fronte a me
la porta de foco
s´apria,
seppur niun
calor sentir,
perché
a lo Purgatorio
trovommi.

Speranza dunque
avia
de veder
lo Pietro
e le su´chiave
aprir ´ste porte,
non piú de foco,
ma de fiori de lillá.
E ne lo sentir
la divina melodia,
de cento violini,
flauti
e cembali,
seder
tra chi
peccati
piú nun abe
trovommi spensierato.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0