accedi   |   crea nuovo account

... mi viene un dubbio

Medito
rifletto
guardo dentro me stesso con sospetto
nel dubbio che mi sia lasciato indietro
qualcosa che potrei non ritrovare
Osservo
scruto
cercando in ogni istante, ogni minuto
ogni possibile omissione e sbaglio
tra i mille e più momenti che ho vissuto
Cerco
e poi trovo
quello che mi potrebbe allontanare
dalle risposte che vorrei trovare
E più ci penso e più mi viene il dubbio
me ne convinco e poi ritorno indietro
cerco motivi dove non ci sono
penso e ripenso
nell'animo ritrovo
e mi riecheggia dentro d'improvviso
quella risposta che si rifà domanda
E come un bimbo
che gioca spensierato
torno ai miei dubbi
... e ciò che è stato è stato.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Tore Martino il 17/02/2014 01:10
    Molto musicale. Sì, ciò che stato è stato, non cambierà niente..
  • Ugo Mastrogiovanni il 16/09/2009 12:34
    Un dubbio poesia.
  • Andrea Zotta il 15/09/2009 12:21
    Per me nessun dubbio... molto bravo complimenti.
  • Anonimo il 15/09/2009 08:32
    armoniosa consapevolezza e certezza.
    S'apre e si chiude il discorso in quel cio' che e' stato e' stato.
    Quando non si ha nulla da rimproverarsi, le domande restano ma anche le medesime risposte.
    E cosi' sia.
  • Anonimo il 14/09/2009 22:30
    Il passato è passato e a quanto pare senza rimpianti!! Per fortuna.
    Cia un bacio
    Dani
  • Anonimo il 14/09/2009 21:47
    Molto musicale. Sì, Gabriele, ciò che stato è stato...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0