PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Colloquio insolito

Chiúveva
e tirava vientu,
quannu trasií
a lu campusantu,
a deporre
qualche fiore
a li cari mia.
A nu trattu
vidi na figura
ben nota,
ma sí,
é illu,
Sua Altezza Serenissima,
u principe Antonio de Curtis,
in arte Totó.
- Ma vuje cá
che fate?
ma risse
stizzuto e fiero.
- Songu vunutu
ad onorare
li parenti mia.
Rispusi nu pocu
intimuritu.
- Spero che nun é
chillu puzzentu
ca m´annú
misu accantu.
Lui,
allorché ribadií
- Ma nun si tu
c´hai scrittu a Livella,
e che li
muorti su muorti,
e su tutti eguali,
proprio comu na livella?
Cu chillu
suo tipico gestu ´e manu
mi rispose
- Ca centra,
allora io ero e qua,
e nun e lá.
Cá lu suognu
miu svaní,
e su cuntentu assaje
ca posso ancora
Totó
onorare e amare.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anna G. Mormina il 16/09/2009 15:32
    Totó è un grande della storia napoletana... chi ha visto e ammirato i suoi film, non può certo dimenticarselo...
    ... molto bella!
  • loretta margherita citarei il 15/09/2009 19:44
    era proprio un sogno strano, totò non avrebbe mai detto cose simili, parte dei guadagni li spendeva per aiutare la gente povera del suo quartiere originario.
  • Giuseppe Tiloca il 15/09/2009 19:16
    Sai, ho capito un pochino dei tuoi versi in napoletano, essendo io sardo... bè. Penso che sia una bella opera, anche perchè intuisco una felicità ed un amicizia bella. Bravo anche in questa, perchè anche se non sai scrivere bene in napoletano, ci hai provato!
    Bravo, Giuseppe
  • M. Vittoria De Nuccio il 15/09/2009 17:28
    Originale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0