username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Incubi

L’angelo che bestemmiò il suo dio
non aveva fragranza di rosa

ma puzzava il suo fiato
fetore il suo sudore

e fuggì

l’uomo solitario pesava il tempo
e osservava le donne passare

lascivo il suo pensiero
sulla bilancia truccata il suo sperma rinsecchiva

e fuggì

l’orologiaio distratto
cambiava le pile all’orologio atomico

ma nulla esplose quel giorno
fu una strage batteriologica

e l’orologiaio fuggì

maestro maestro
il tempo si è fermato

a chi toccherà ora il suo
TIC TAC

e il maestro fuggì
…svegliandosi

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0