PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Stupito

Lo trovai in un bar
e fu una sorpresa
mi disse che aveva smesso
e fu ancora di più
una sorpresa

Beveva vino, come suo solito
mentre io e la mia consorte
anadavamo di caffe
ancora elettrizzati dal pomeriggio

Mi disse che doveva cambiare casa
che lavorava in comunità
con quelli che c'erano dentro ancora
e io sorrisi, ancora più stupito

aveva messo su carne, non come i
periodi d'ora, secco e smunto
per tutto quello che prendeva
tutti i giorni

lo salutai ma mi sembrò di vedere
e salutare un'altra persona
e non lo vidi più
per un po'...

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • aleks nightmare il 23/09/2009 20:16
    Da quella volta non ancora... forse meglio cosi'...
  • Marco Ambrosini il 20/09/2009 18:54
    Bravo
  • Simone Suzzi il 18/09/2009 16:28
    hèh! bello lo spaccato che con immagini fluide dona un flash di realtà difficile ma più diffusa di quanto si voglia permettersi di vedere per non ascoltare il grido di dolore di giovani disperati.. viene da chiedersi, e poi, l'hai piu rivisto?
  • Anonimo il 18/09/2009 12:58
    molto bella da trattenere
  • loretta margherita citarei il 17/09/2009 14:36
    sei forte bravo
  • Anonimo il 17/09/2009 13:14
    Stupito e incredulo?
    Bella Aleks, come sempre.
    Un bacio
    Dani

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0