PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una strada

Vedi ancora la finestra?
La mia, la tua,
lo scoglio una strada
che scaliamo di corsa,
attenti alle macchine,
alle facce, alle frecce...
Il suo nome è Fortuna,
e ci portò vicini,
e ci portò lontani
da quella finestra,
la mia, la tua,
il muro una strada
che abbattiamo con forza,
attenti a non sporcarci
di melma sotto la pioggia
e la luna.
Castigo! Per Dio!
Qualcuno lo disse...
sul prato del silenzio,
e che dobbiamo fare?
Sopravvivere sballotati sotto le macerie...

Vedi ancora la finestra?
La mia, la tua,
il pianto una strada
che lascio a singhiozzare
per non vederti aspettare,
un'altra volta,
allo steccato imbrattato,
incaprettato.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 18/09/2009 15:20
    bella per quanto triste.
  • Anonimo il 18/09/2009 12:34
    meraviglioso canto malinconico che ti lascia l'amaro in bocca... sopravvivere alle macerie di una vita... nell'ipotetico abbraccio di una notte senza luce a colloquio con la morte

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0