PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

la sposa dei satiri

nel mezzo di due specchi paralleli,
con te che divampi
di carezze e rossori,
divengo vulgo lugubre.
La sposa dei satiri mascherati
e dalle teste intercambiabili,
non sporca il suo cammino
dato che sono io a farlo.
Alcolici profumati
s'insediano
e meraviglie oscure
attanagliano la mia visione.
Sarai tu ad uccidermi
digerendo come i serpenti

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Ada FIRINO il 01/10/2008 10:23
    Non la capisco a fondo, ma mi piace.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0