username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Delirio notturno

Nell’ombra esplode la mia mente
nel buio più oscuro
Piccoli pezzi di me salgono dal profondo
Vorticano impazziti
si contorcono si intrecciano
Sfiorandosi creano effimeri bagliori
Immagini incastonate in istanti
che non lasciano traccia di sé
Il corpo non controlla il cuore batte frenetico
È il tamburo che ritma la folle danza
È tutto vero reale
Inconsistente e così concreto
Non posso toccarlo ma inonda la pelle
In balia di me stesso
Affascinato e immobile
Palcoscenico e spettatore
guardo senza capire
osservo senza cogliere senza ricordare
niente rimarrà con la luce
nulla resterà quando il battito rallenterà fino a cessare

Poi è di nuovo giorno e nessuna emozione

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • silvia leuzzi il 26/03/2011 19:53
    La notte come magico velo di riflessione e incubo. Scoprire d'un tratto se stessi ed avere paura della propria ombra. Rovistare con i pensieri tutti gli anfratti della mente e scoprire la polvere che deturpa l'ambiente, scoprire l'ansia ascoltando il cuore in tumulto. Poi il giorno con la sua luce soffoca le ombre lasciando una sensazione di vuoto e di quiete. La quiete del mattino
  • Jurjevic Marina il 17/11/2009 16:49
    Nelle tue opere, c'è spesso la notte... buio.. ombre.. La notte che libera ogni piccolo desiderio mai realizzato.. mi piace come scrivi.
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 04/11/2009 14:53
    emozioni di un'anima d'ombra. Mi è piaciuto molto l'ultimo verso che da un gusto macabro alle tue immagini
  • aleks nightmare il 22/10/2009 22:51
    Il problema è aspettarsi troppo dalla notte... è la stessa cosa del giorno senza la luce...
  • Anonimo il 23/09/2009 16:09
    Bella, mi piace
    con la notte alcuni pensieri si fermano e altri vengono riportati a galla
    ciao
    Angelica
  • †♠ nosferago ♠† il 23/09/2009 13:45
    grazie a tutti
  • Marhiel Mellis il 23/09/2009 12:43
    È proprio la notte che ingigantisce l'infelicità... la notte che si nutre di pensieri e incubi... ma un nuovo giorno può sempre diventare quel piccolo barlume di rinascita. Molto, molto bello questo tuo poetico e intenso scritto.
  • Anonimo il 22/09/2009 10:55
    molto ben scritta. Mi piace soprattutto il contrasto con l'ultimo verso. Anche se la rende un po' triste.
  • Zeta Zeta il 21/09/2009 18:29
    stavi sognando ^_^

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0