accedi   |   crea nuovo account

La famigliola

Com'eri bella, famigliola, un dì,
quando sedevi tutta al focolare,
ed eri unita, e tutto era così
particolare.

De' nonni cari l'austerità,
i vecchi insegnamenti da seguire;
c'era tra i figli la curiosità
per l'avvenire.

Com'eran liete le tue serate,
fatte di piccoli, ricchi sapori,
raccontavan di cose passate
i genitori.

Com'era, un tempo, il paese qua giù,
con la linea del treno e la stazione,
le foglie gialle sotto il cielo blu,
lungo il vialone.

Tu, sorellina, ascoltavi, ma poi
solo lasciavi il gatto sul divano,
e scomparivi dalla stanza coi
ninnoli in mano.

Da la finestra, su la sedia, a piè
scalzo, puntavi gli occhi su la via,
finché la mamma chiedeva: "Dov'è
Annamaria?".

Quante giocate, nonno, tu ed io,
lunghe di carte, e risa. Sul braciere,
già tra fette di pane, un crepitio
di olive nere.

Di grossi ceppi tra un vivo calor,
nenie, mentre tessevi 'l bianco lino,
tu, bianca nonna, cantavi d'amor,
a capo chino.

Com'eri bella, famigliola, un dì,
quando sedevi tutta al focolare,
ed eri unita, e tutto era così
particolare.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • roberto volpe il 09/07/2012 18:04
    Pascoliana, intima, un po' retrò, ma può andare.. piaciuta.
  • Anonimo il 26/07/2010 18:21
    Traspare tanta dolcezza. Bravo
  • Andrea Santiglia il 27/09/2009 12:48
    grazie dei vostri gentili apprezzamenti!
  • Fiscanto. il 22/09/2009 22:22
    bella!!!!
  • Anonimo il 21/09/2009 19:23
    Dolcissima... molto ben scritta!!!
    A volte la gente non sa quanto siano preziosi i momenti di quotidianità che passa con la propria famiglia, dando x scontato che sarà per sempre così, ma purtroppo però il tempo inesorabilmente muta gli eventi, anche se per fortuna ci lascia i RICORDI, preziosi come gioielli di inestimabile valore.
    Letta invece in modo più distaccato vedo anche il cambiamento della FAMIGLIA nella NS società, da una famiglia allargata composta da almeno 3 generazioni, nonni, figli e nipoti, siamo passati a famiglie composte al max da 2 generazioni o anche solo da adulti senza figli!!!
    È il progresso... ma forse come dicevano i vecchi "SI STAVA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO"!!!
  • luigi demuro il 21/09/2009 18:22
    Bella. Vera.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0