PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Veste candida

Su perimetro inchiodata
da li mi fissi impassibile

dei miei pensieri sei assetata
se sol il mio tocco fosse abile

oh si non più saresti illibata
ma parto di mia mente instabile

posso io profanare o inviolata
la tua candida veste leale
con la pelle mia lacerata?

colore vorrei per te che neutrale
ancor attendi prospettiva mia malata

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 03/12/2009 11:13
    stile molto accurato
  • Zeta Zeta il 22/09/2009 12:45
    grazie a voi
  • Vincenzo Capitanucci il 22/09/2009 09:14
    Bellissima... Zeta... se sol il mio tocco fosse abile.. in un fertile felice... parto di mente...
  • Anonimo il 22/09/2009 08:34
    La tela bianca aspetta di essere violata dalle tue mani sicuramente abili, se temi di sciuparla non pensare... osa e quel che uscirà sarà da ammirare!! Sempre e cmq unico..
    Un abbraccio
    Dani

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0