PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Historia Mariae

Quando ancora sognavi
i giorni della tua fioritura
in ingenue piroette
già sentivi
che il tuo destino di Donna
per un antico motivo
doveva essere diverso
diverso da tutte le altre

E forse i tuoi sogni
potevano essere turbati
ma l'innocenza
e la gioia tua
erano troppo forti e vivi
perchè nuvole
annerissero il cielo
radioso del tuo volto

E quando ti soffermasti
sulla porta della tua vita
trovasti al varco
un bianco messaggero
che te ne offriva una
in un'urna chiusa

Chissà quanti dubbi o paure
traversarono
la tua giovane mente
dopo il tuo slancio
generoso e potente
nella volontà di chi conoscevi
solo attraverso
antiche litanie

Chissà se la sicurezza
della tua fede
avrà riservato
il seno di tua madre
da tante lacrime

Te umile e modesta
vestita di sola fede
conoscesti l'amore di Dio
replicante il miracolo
del primo nel tuo grembo

Madre io vorrei conoscere
i tuoi pensieri
quando ti scopristi madre
del tuo Creatore

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 24/09/2009 00:17
    molto bella intensa, una preghiera che solleva il cuore dai macigni

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0