PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Intimità... domestica

Marì,
me fai murì
quanno
cu ll'uocchie a zennariello
e a voce maliziosa
me dici:
fa na cosa,
priparame nu bagno,
io fernesco stì ddoie cose
pò, me voglio rilassà.

Chist'è l'ordine cchiù bello
ca Marì putesse dà.
Zomp'e scatto a copp'a seggia
e me metto a masterià.
Faccio scorrere a funtana
fino a quannno jeng'a vasca,
pò, ca mano smovo ll'acqua
e faccio nu mar'e scumma.

Creo una certa atmosfera
pecchè ossaccio che succede.

Fa vedè ca chiur'a porta
e se spoglia chianu chianu,
tant'ossape ca io a guardo
miez'a senga ca sta aperta.

Si rilassa na mez'ora
pò me chiamma:
vieni amore,
famme nu piacere
lavame nu poc'a schiena.

Appena m'avvicino,
Lei, con mossa repentina,
dint'a ll'acqua me trascina;
e tra scumma e mille schizzi
Nuie facimme cos'e pazzi.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 14/10/2009 13:50
    ... che musicalità!!! bravissimo!
  • antonio castaldo il 27/09/2009 19:48
    bella... bella... bella...
    complimenti!
  • Anonimo il 25/09/2009 00:39
    originale e simpatica
  • Anonimo il 24/09/2009 21:01
    Deliziosa, complimenti!
  • loretta margherita citarei il 24/09/2009 20:38
    passione sfrenata eh?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0