accedi   |   crea nuovo account

Lo straniero

Tu, uomo derubato,
ferito,
ora giaci morente
ai bordi della strada.
E il sole piange
in suo tramonto d'oro
Un sacerdote frettoloso
avanza,
ma non ti vede,
ma non si ferma.
E il sole piange
in suo tramonto d'oro.
Un levita frettoloso
avanza,
ma non ti vede,
ma non si ferma.
E il sole piange
in suo tramonto d'oro.
Ecco il samaritano
avanza,
è uno straniero,
ma ti vede,
ma si ferma
pietoso ti raccoglie
e da fratello
versa sulle tue ferite
balsamo di pace.
E il sole ride
in suo tramonto d'oro.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giuseppe Pennella il 31/08/2014 17:59
    bella, sentimenti intimi

1 commenti:

  • Anonimo il 25/09/2009 09:36
    "storia" conosciuta. Ma sempre attuale. Lo straniero incute "paura" perche' sconosciuto, eppure spesso e' a noi straniero il nostro vicino.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0