PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Riflessioni2

Mi chiedo cos'è
senza trovar il coraggio
di dare un nome a ciò che sento.
È solo un attimo
un singhiozzo del tempo
si ferma e riparte
dilatandosi all'infinito.
Vorrei uscir da questo deserto
fatto di gente fradicia di inutili discorsi,
un rumoroso silenzio
dal sapore vuoto.

Mi chiedo perché
senza trovar il coraggio
di cercar risposte alle mie domande.
Son come le foglie autunnali
vacillano con un niente
al soffiar del vento.
Chi sono, che faccio,
che senso ha,
mentre le ore si stemperano
svanendo tra giorni
insipidi.

Non ho forza per correre,
la mano non bussa più
a porte socchiuse.
Mi lascio andare
lungo questo sentiero
i piedi avanzano senza controllo.
Cosa rimane di me
quando mi allontano,
quando nemmeno l'odore
lascia una traccia?
Mi dissolvo pian piano senza reagire.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/03/2014 07:47
    Molto apprezzata. complimenti.

17 commenti:

  • vincent corbo il 03/11/2009 10:44
    questa è poesia pura.
  • Minalouche TS Elliot il 01/11/2009 22:06
    Ugo... non so come ringraziarti, i tuoi commenti son, per me, la conferma del esser riuscita o meno, a trasportare in parole gli stati d'animo. Grazie di cuore Ugo.
  • Ugo Mastrogiovanni il 07/10/2009 13:22
    Versi di studio, un malinconico viaggio che riapre spazi non nuovi per l'anima di un poeta. Le espressioni, i termini usati da Minalouche TS Elliot si muovono spediti e letteralmente appropriati, creando quel giusto equilibrio necessario a offrire un lavoro di elevato valore lirico.
  • Minalouche TS Elliot il 03/10/2009 22:22
    Fabrizio io ringrazio te Gentilissimo
  • Anonimo il 03/10/2009 20:23
    Mi sono ritrovato nelle tue parole. Emozioni così profonde da sorprendermi privo di parole per esprimerle. Grazie
  • Minalouche TS Elliot il 01/10/2009 17:28
    Cate si, analisi di ciò che ci circonda e di ciò che abbiamo (o crediamo di aver) in noi.. credo che la vita, tendenzialmente, è amara... questo ci fa apprezzare i pochi attimi di dolcezza che ogni tanto capitano, grazie di cuore
  • Minalouche TS Elliot il 01/10/2009 17:23
    Gabriella grazie per il tuo commento... già sigilli che, infrangendosi, fanno tabula rasa di noi.
  • Anonimo il 29/09/2009 14:00
    Tristissima...
    Analisi di ciò che ti circonda e non ti piace... Sentimenti delusi da "un tutto" rivelatosi "un niente"... Amarezza...
    Molto bella.
  • gabriella zafferoni sala il 29/09/2009 08:24
    i grandi sigilli esistenziali...
    la grazia è sentirne talvolta intimamente parte dei segreti..
  • Minalouche TS Elliot il 28/09/2009 22:03
    Giuseppe grazie anche a te
  • Minalouche TS Elliot il 28/09/2009 22:02
    Sempre gentilissimo, Vincenzo, grazie di cuore Troppo buono
  • Giuseppe Tiloca il 28/09/2009 21:47
    anche io... rifletto molto. molte volte. è bello riflettere. bravo
  • Vincenzo Capitanucci il 28/09/2009 06:56
    Forse sei già arrivata... Minalouche...

    Bellissima... mi lascio andare... senza controllo... mi dissolvo... espandendomi...
  • Minalouche TS Elliot il 27/09/2009 22:06
    Olga ti ringrazio, gentilissima
  • miss O il 27/09/2009 19:35
    :'(
    wow,, e bellisima, complimenti
  • Minalouche TS Elliot il 27/09/2009 18:30
    anche questo fa parte del vivere, ti ringrazio per il commento
  • loretta margherita citarei il 27/09/2009 10:28
    crisi esistenziale ben descritta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0