accedi   |   crea nuovo account

L'Autunno alle porte

Dall’Alpe, la sorgiva
offusca roccia il passo,
da gocce nuvolose
che vestono montagne.
Scrosciando impetuoso
tra sponde nel suo corso
il grande fiume ricco,
portando imprigionati
ricordi galleggianti
di tronchi e d’erba verdi,
cullando sulle acque
riflessi ormai distorti.
Parlando e discorrendo
col vento presa mano
d’annuncio il preavviso
l’Estate ormai svestita,
viaggiando verso il piano
si specchia il brontolio,
di nubi minacciose
aprendo il cupo cielo,
scandendo tuoni e lampi
rovesci stille gelide
la terra rinfrescare.
Discende tortuoso
lambendo sotto i ponti
avanza minaccioso
del tempo grigio intorno,
dall’acque colorate
dipinte intorpidite
dischiude porte al passo
l’Autunno alle porte.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Riccardo Brumana il 16/03/2007 12:28
    l'autunno che atmosfera. bellissima come questa poesia.
  • patrizia chini il 09/10/2006 21:43
    Si sente l'incalzare del ruscello, l'acqua che rotola cristallina...
    bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0