PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Che tu sia per me coltello

Che tu sia per me coltello
quel fiore raccolto lungo la via del ritorno
quell’apparenza che buca il cuore

goccia a goccia
fianco a fianco

che tu sia per me strada fra i rovi
scheggia e carne
nodo e sangue

che tu sia per me sabbia nera
stagione di dolore
vento di confine

e io
unghie rosse
occhi di gatta

spoglia di te
mi volto a guardare quella porta

vivendomi addosso.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • claudia mezzetti il 05/11/2009 09:55
    Adoro David Grossman... mi piace la prima parte più della seconda... è come se i versi man mano che procedono verso la fine si assottigliassero.. mi richiama all'immagine di un ramo... secondo me la musicalità migliorerebbe se ci fosse un verso ulteriore tra il penultimo e l'ultimo ma è un parere del tutto personale... perdonamelo ...
  • Rocco Burtone il 22/06/2009 14:47
    Non banale. Secondo me puoi fare meglio.
  • Antonio Sattin il 04/03/2009 13:31
    triste
  • SILVANO DOLCI il 02/10/2006 10:08
    L'amore, una strada infinita.
    Bella
    Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0