PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

[Senza titolo]

Violenta, la sinestetica sensazione,
pervasa da un lume baritono svuotato,
senza senno, sapienza o sapore.
Centro dell’umana percezione
d’infiniti demoni empatici eppur,
vivo.
Immune all’uso comune di una
Vista accecata da un animo ormai spento.
Musa, ti prego osserva l’imperdonato fato,
accoglilo fra le tue speculari soglie e
donagli il più alto volto del sintetico ossimoro.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/04/2012 15:11
    Versi molto colti,
    che denotano una sensibilità
    crepuscolare,
    ottima, davvero.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0