accedi   |   crea nuovo account

L'importanza di temere

La vita è un insieme di successioni algoritmiche,
precise in numero, altrettanto negli equilibri.
Ma come fa l'uomo a mutarne aspetti e importanza,
solo per sviare quel suo crudele istinto
definito da molti: PAURA!?!?!

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 01/06/2011 15:04
    Bella
  • Nicola Saracino il 02/10/2009 11:18
    Vedo un pesante macigno di successioni algoritmiche, che qualcuno vorrebbe tagliare in arabescati pavimenti di marmo, mutarsi in sabbia portata dal vento del deserto nelle mani dei costruttori di ville. Ciao Giancarlo. Nicola
  • Giuseppe ABBAMONTE il 02/10/2009 06:40
    Giancarlo
    nelle sue linee generali, la vita è in effeftti una funzione sostanzialmente deterministica. Tutti noi nasciamo, cresciamo, invecchiamo, finiamo. Però all'interno di queste fasi, l'aleatorietà è massima: non esistono due esistenze uguali, due gioventù uguali e così via.
    Anche la Paura nelle sue linee generali è una costante umana. Tutti noi abbiamo paura di tutto o di qualcosa. E tutti noi cerchiamo, come dici tu, "di sviare quel crudele istinto". E lo facciamo in modo diverso. Perchè lo facciamo? perchè in fondo nessuno di noi ha fino in fondo "il coraggio di avere paura"!
    La tua riflessione, quindi, è profonda e valida. E merita davvero attenzione. Ma ricorda, la paura é naturale, innaturale è far finta che non esista, mentre sbagliato è farsi condizionare eccessivamente da lei.
    Un abbraccio fortissimo
    Papà
  • Anonimo il 02/10/2009 00:22
    Grazie Giancarlo... vero che ci si avvicina a cose che ci danno più sicurezza... può essere lo spirito di sopravvivenza??
    Difesa personale inconscia? Certo l'obbiettivitò non esiste più...
    Un bacio
    e notte notte
    Dani
  • Giancarlo Abbamonte il 01/10/2009 23:49
    Fondamentalmente gioco sull'immagine dell'uomo come osservatore. Tutta la realtà gira intorno a regole che sono state scoperte e teorizzate da noi, perchè il non sapere ci induce una perplessità, o addirittura paura, che poi non ci fa essere obbiettivi su ciò che ci circonda. Ognuno di noi crede in ciò che gli dà più scurezza, per vivere senza continue angosce.
    un saluto

    Giancarlo
  • Minalouche TS Elliot il 01/10/2009 19:46
    forse lasciandosi passar tutto addosso.. come fosse acqua. Da molto da pensare questa tua opera.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0