accedi   |   crea nuovo account

È lei

Non sono mai stato così inebriato da una tale gioia
nel guardare un corpo reale in un mondo pieno di gente come me,
ma tanto diverse da lei.
Una insopportabile, straordinaria leggiadria in quei occhi azzurri
Grande abbastanza, da farmi tremare, soffocato quale sono
Da un sentimento di stima e ammirazione nei suoi confronti.
Un insieme di piccole onde bionde, accompagnano un viso già abbastanza angelico.
Inutile dirti che vorrei, vorrei guardarti negli occhi e pensare che sono miei, soltanto miei.
Vorrei assaporare quelle rosee labbra in un attimo che mi farei bastare, per una gloria infinita ed eterna.
Voglio il sorriso che mi ricorderò sempre, un sorriso che mi fa rimpicciolire e sentir impotente.
La forza manca poco a poco ma osservando le curve perfettamente formate in quello spazio di carne, mi sento rinascere.
Una dedica, questa dedica, che offro ad una bellezza a me poco spesso capitata.
Sei tu quella persona a cui scrivo e dono ogni mio pensieroso gioioso.
Sei tu quella persona che potrebbe ridarmi lui…
L’amore…

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Marco Ambrosini il 12/10/2009 23:05
    l'adoro!
  • Anonimo il 03/10/2009 23:56
    bellissime emozioni in versi sinceri ben scritta
  • Donato Delfin8 il 03/10/2009 23:27
    Belle sensazioni. Come già sai per me sono in prosa ma sempre apprezzate.
    Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0