accedi   |   crea nuovo account

Lenzuolo

Scheletri di sentimenti
s'infrangono sul cemento
e distrutti dall'impatto
crollano inesorabili.
La velocità è l'assassina
morte dolce e pura
che da ancora soffi d'aria
e crea pericolo.
Ma si guardano attorno
e sentono puzza di cimice
in questo calderone ingnobile
lasciano le rimanenze.
Collari stretti e occhi sempre
più bassi, gelide catene
che stimolano l'orrore
potere malato pronto a colpire.
Non di meno, tutto tace
e il silenzio non è il solo padrone
vi sono tutti i dannati che ballano
e le cattiverie imperano.
Morale privata, patto intimo
tra il bene e il male
collocato tra noi, per i più
di questi quadri argentati.
Purtroppo si svolge
e accartoccia la sua azione
ma il compimento è riuscito
per piacere di sir Terrore.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 06/10/2009 12:33
    surreale bellissima come al tuo solito... rabbia... insofferenza al vivere... è come se fossi compresso in una scatola di menzogne, dove tutto è artificiale... vorresti esplodere e finalmente respirare aria salubre... quindi l'augurio più bello per te è che tu possa spezzare le tue catene... e risvegliarti in verità di essere

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0