PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La montagna più alta

La mente ritorna a quei tempi
Lontani ma vicini nella memoria
Una salita che pareva infinita
Per arrivar lassù
Ragazzina felice a quei tempi
Spensierata ma consapevole
Ecco la montagna più alta mai vista,
Forse troppo piccola io.
Nei miei sogni di allora
Tutto sembrava oltre ogni limite.
Stanze enormi e letti in fila,
Corridoi lunghissimi correvano tutt'intorno.
Grida gioiose e pianti di nostalgia
Mescolati a lunghe passeggiate.
Tra i boschi i suoni della natura,
Lo scalpitio di una lunga fila indiana.
Il piazzale stracolmo di giovanetti
Tutti uguali di blu vestiti.
È l'ora del desinare
Dell’ammaina-bandiera
E la montagna più alta mai vista
È la che ancora ci protegge.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Marcello Caloro il 07/10/2009 20:56
    Un quadro ben pennellato; colori accesi (blu predomina), forse un collegio: sicuramente la spensieratezza di quando un gatto appariva una tigre. Piaciuta. Saluti Mar.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0