PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Preghiera a divinità immanente

Tu che pervadi e possiedi
fammi esplodere il sangue
accelerare il battito
devastami
sono stanco di squarciarmi le vene per il lungo
offrire il sangue su marmi freddi
irriconoscenti
mondami
succhiami ogni liquido
lasciami asciutto
definito e terso
splendido, in equilibrio, possessore dell'Attimo
scioglimi e dammi
la decisione per coagularmi ancora
allontanami dai discorsi banali
dai portatori di Luce che non hanno mai
penetrato il Buio
dalle griglie e dai ritornelli
che diventano strofe, occupano ogni verso
bruciami di urgenza
sangue sul pugnale
o morirò in questa apnea
in questa amministrazione dei tempi
dei sentimenti
in questo sempiterno squallore

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Jurjevic Marina il 27/11/2009 13:17
    Parole che usi.. fortissime, coinvolgenti al massimo. Devastami, fammi esplodere il sangue, succhiami ogni liquido..
    Sento una passione in te, che vuole esplodere.
  • Anonimo il 07/10/2009 22:30
    Coinvolgente e forte. Bella
  • ANGELA VERARD0 il 07/10/2009 18:59
    indubbiamente forte e originale... molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0