PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Appunto a Urlo

Ho visto le menti migliori della mia generazione
palpitare di rami splendenti di rugiada,
ho visto gli occhi migliori della mia generazione
specchiarsi nelle anime lucenti
e frementi che abitano le
albe cosmiche di questo pianeta.
Ho visto le menti migliori della mia generazione
rinascere turgide, gonfie di amore e di purezza e
riscoprire, con rinnovato stupore, lo sguardo dei loro figli
incastonato nel cuore del Mondo.
Ho visto lacrime scorrere sulle loro guance benedette
e lavare ogni ansia, ogni convulsione, ogni rancore
di cose orrende dette, fatte e rivelate negli antri dell'Umanità
e scritte nei sutras delle loro sofferenze
e vissute nell'ardente e lascivo vomito che ricopriva,
orrido Moloch, ogni sentire... ogni gemito... ogni desiderio
di vita... ogni guancia lievemente arrossata di virginale dolcezza...
ed ho visto donne la cui anima splende nel firmamento delle gemme,
divenire schiave,
sorelle putrefatte e rattrappite ma,
infine, riassorbite dalla loro inenarrabile bellezza,
dalla loro abbagliante genitalità.
Ho visto le menti migliori della mia generazione
che aprivano i loro cuori al soffio del vento di marzo...
che ascoltavano, attonite e stupefatte, il bisbiglio
di candidi angeli dal cuore lacerato
e di complici, saltellanti, spiriti di guarigione.
Ho visto l'Universo intero inchinarsi davanti alla loro
conversione, quando le piaghe si compongono
e i sorrisi rifioriscono e luccicano pensieri
di fratellanza e di armonia.
... ed ho visto sbriciolarsi il muro di fatale rassegnazione
eretto da burocrati il cui sedere era ricolmo di pensieri...
... ed ho visto aprirsi i loro occhi
e dissolversi la nostra nebbia ed ho visto... miriadi di concetti liquefarsi
nel crogiuolo di uno sguardo che lampeggiava
squarciando la notte della fatalità!

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 24/09/2010 12:16
    "... che ascoltavano, attonite e stupefatte, il bisbiglio
    di candidi angeli dal cuore lacerato..."
    Da brividi, mi é piaciuto tantissimo questo tuo scritto. Mi ha emozionato e coinvolto moltissimo. Bravissimo e complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0