accedi   |   crea nuovo account

S-parlare

Anime sperdute
nell'infinito
universo del sentito dire

ubriache
dal vocalizzo
di manca e dritta

perdono
l'orientamento

accodandosi
inconsciamente
alla calca
talvolta a loro estranea

pur di non restare soli
a meditare

qual'è l'ombra
e
qual'è la luce della verità

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 25/11/2015 09:31
    apprezzata... complimenti.

4 commenti:

  • giusi boccuni il 11/10/2009 18:21
    molto bella
  • Don Pompeo Mongiello il 11/10/2009 13:48
    Pur avendoti dimenticato di me, abbiamo molto in comune. Ed essendo questa somigliante a più di una mia opera ne posso solo che condividerne.
  • Anonimo il 11/10/2009 13:11
    Ma Cristo disse " ne uccide più la lingua che la spada "... 5 stelle
  • Ugo Mastrogiovanni il 11/10/2009 10:04
    Purtroppo è vero, sparlare è più facile che parlar bene di qualcuno. Giovenale diceva del suo servo <Lingua mali pars pessima servi>, La lingua è la parte peggiore del cattivo servo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0