PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

EUTANASIA

Ti comprendo,
mio moribondo,
che tra sofferenze
giaci:
allora il desiderio
collide nel dolore.
La vita,
che tu gestisci,
imprigionata
tra sbarre invisibili,
dove l’anima cerca
una lima per evadere,
la vita ti sfugge
dalla vecchia pienezza
delle cose quotidiane
ora futili
ora nostalgiche.
Capisco il tuo anelito
Di volare ed essere
Libero con la volontà
Tua sola.
Ma non accusare Dio,
memore del mondo,
che non costringe
il tuo corpo
al patimento clinico.
Ti comprendo,
laddove il tuo
viatico finale
vorrebbe significare
ancora voglia di
essere tra chi ti guarda.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • elenio pallini il 30/01/2007 23:38
    hai usato le parole con giusto garbo e sensibilità, nel contempo senza esserne d'accordo o meno. una bella prova di stile. complimenti!
  • Adriano Di Carlo il 06/10/2006 19:33
    molto bella. mi è piaciuta. anche se nn condivido il fatto di far divenire idee poesie. normalmente le poesie sono cose che viviamo o ci colpiscono. quest'argomento ti ha colpito, ma descrivi cmq una situazione immaginaria. anzi ripensandoci hai fatto bene. una situazione simile può accadere anche dentro di noi. scusa, ciao. cryback

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0