accedi   |   crea nuovo account

CRISTO NAPULITANO

Ce site state maje
dint'a nu vascio
sgrarrupato e viecchio
scavato dint''e pprete
addò l'ummedità trase 'int'all'osse?
Ce site state maje
dint'a nu vascio?
Na tavula tarlata
cu' quatto segge 'e paglia
na branda militare
n'armadio rusecato
e 'a famma tanta famma
patuta juorno pe' ghiuorno,
pe' quanno po' durà nu calannario
accuminciata già quanno se nasce
sufferta e ogne mumento 'e stu calvario.
Cristo che campa
senza cchiù Dio
stanco d''a vita
stanco d''a morte
stanco...
Sempe accussì
'a primma 'e Masaniello,
l'unica nuvità
è na televisione
che fa vedè ricchezze scanusciute
case, cummedità, magnà, visone...
Ce site state maje
dint'a nu vascio?
Guagliune annure, femmene ammusciate,
puzza d'ummedità, tanfo 'e sudore,
nu pizzeco 'int''o core, nu squallore.
Chest'è ancor'ogge Napule,
'o mare, 'o sole, 'a vita assaie luntano
e 'a croce ch'è pesante
p''o Cristo senza Dio Napulitano.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 20/02/2009 11:50
    io sono napoletana, non posso che dire grazie per le emozioni che mi hai donato
  • Luciano Sansone il 31/10/2007 21:03
    Anche in questa tua lirica, caro Luciano, si vede la tua padronanza con la scrittura napoletana. Ma, al di là della scrittura, vedo la tua sofferenza per le condizioni in cui versa ancora la gente del popolo che non ha niente e può solo desiderare ciò che vede attraverso l'unico simbolo dei giorni nostri: la televisione.
  • Franca Maria Bagnoli il 07/03/2006 00:04
    Una bella poesia di denuncia sociale. <br />
    Zanotelli avrebbe detto che, inieme a Cristo,<br />
    d' n tu vascio ( Scusa non so scrivere il bellissimo dialetto napoletano ) ci sta pre Dio. <br />
    Ciao. Franca Maria Bagnoli.<br />

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0