username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dall'istante infinito

Piccolo fiore innocente,
settembre invero s'incantò
a vederti nascere
e ottobre certo inorgoglì
nel darti il nome.
No! Non lascerò andare
quel grato ricordo
di quando ti vidi
ormai tratta vibrante
dal sen di tua madre;
insieme ti pensai
dono di Dio
e brano mio,
ma non osai
chiamarti mio possesso.
Mirabili si schiusero
due gemme di zaffiro
e un fatidico sorriso
illuminò il tuo viso.
Così ti allietava
al mondo emergere
che le cose attorno
accennarono il saluto.
Dall'istante infinito
mi è caro pensarti
consolatrice dell'anima
e amata vece
di ciò che non appaio:
ti fai mio sorriso
quando son triste,
diventi mio gesto
se la mano non può,
ti fai mia parola
se la voce s'ammuta,
ti compi mio amore
se il cuore s'indura.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Fabio Mancini il 14/10/2009 22:26
    Bei suoni. Molto curata. Complimenti. E grazie per il ricercato commento. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0